Un ecosistema per il diritto

L’Avv. Alessio Giaquinto è il fondatore di Cammino Diritto, rivista online nata nel 2015 e che oggi ha raggiunto rilevanza nazionale e accademica.

Da una costola della Rivista è nata nel 2019 anche Formazione Cammino Diritto, una piattaforma online per la preparazione professionale o ai concorsi pubblici.

Dal 2020 ha aperto le porte a cittadini e imprese anche lo Studio Legale Giaquinto, diventato già oggi un punto di riferimento nell’ambito del diritto amministrativo e societario.

Individuiamo il problema da affrontare offrendo tutte le possibili soluzioni.  Sia che si debba condurre una trattativa o sia necessario affrontare un processo, sin dai primi incontri i nostri assistiti sono messi al corrente di tutti gli aspetti giuridici della loro situazione.

La trasparenza è il primo passo per un rapporto solido e duraturo.

Prendi appuntamento online

Alessio Giaquinto

Avvocato, ha fondato nel 2015 la Rivista scientifica ANVUR “Cammino Diritto”, di cui è oggi il direttore responsabile. Collabora con numerosi professionisti su tutto il territorio nazionale e assiste persone e imprese principalmente nei rami del diritto civile e diritto amministrativo.

Novità

L’Avv. Alessio Giaquinto ha recentemente contribuito alla realizzazione di un Master online dedicato ai marchi d’impresa e alla tutela del Made in Italy.

Servizi per tutti i Clienti

Consulta i tuoi documenti e le tue pratiche in qualsiasi momento.
Confrontati con il tuo legale anche online.

Tutti i Clienti possono accedere ai loro documenti e alle informazioni che li riguardano online: basta avere un’email.

Lo Studio informa i clienti su tutti i cambiamenti che possono influire sulle loro pratiche. C’è una nuova legge che può esserti utile? Ecco l’approfondimento che fa per te.

Grazie alla collaborazione con numerosi professionisti lo Studio abbraccia la maggior parte dei settori del diritto: dal diritto militare a quello amministrativo, passando per le questioni familiari.

2700 Cancellieri Esperti, aderisci al
ricorso collettivo

Un bando di concorso che esclude migliaia di diplomati e giovani laureati potrebbe essere illegittimo.